Vita da operai

Post 5 of 80

Giovedì mattina torniamo nuovamente al Training Center di Huawei, dove ormai siamo di casa. Dopo aver fatto conoscenza con Carrie, la nuova insegnante, abbiamo incominciato a parlare di “Intelligent network application and development trend”. Carrie ci ha illustrato alcuni esempi di tecnologie che rientrano nel ramo dell’ICT (Information and Communication Technology) e le loro possibili applicazioni, ad esempio monitoraggio ambientale tramite reti di sensori, smart home, digital health care e molte altre, che permettono una gestione molto efficiente delle comunicazioni e dello scambio di informazioni.
Finite le lezioni, nel primo pomeriggio, ci siamo recati nello stabilimento di Songshan Lake per effettuare un breve tour all’interno della fabbrica. Huawei possiede un totale di quattro stabilimenti delle stesse dimensioni nei quali lavorano ben 21000 dipendenti. Una volta indossati degli indumenti adeguati il tour ha inizio. Nel primo tratto della visita guidata siamo passati nel reparto logistico della fabbrica, qui un sistema completamente automatizzato rifornisce di componenti il resto della fabbrica; inoltre, ci è stato riferito della totale assenza di errori dovuta all’estrema efficienza degli impianti. Successivamente siamo arrivati alle linee di assemblaggio vere e proprie, dove altri sistemi automatizzati posizionano le componenti sul PCB e quindi saldano il tutto. Il processo di fabbricazione è talmente efficiente che i prodotti difettosi si contano in poche parti per milione.

Una volta tornati a Shenzhen abbiamo cenato per la prima volta occidentale da quando siamo in estremo oriente e, dopo una breve passeggiata per i negozi della zona ci è toccato rintanarci nella hall per ripassare. Infatti, domani avremo gli esami finali di questa lunga, ma interessante, settimana in Huawei…

Questo articolo è stato scritto da stefanocolli

Menu